ECOGRAFIA 3D

Dall’Ecografia all’ Ecografia Volumetrica Automizzata Nei seni densi e molto densi la sensibilità della mammografia nel riconoscere precocemente il tumore non supera il 60%.       Ecografia tridimensionale 3D Nuove possibilità sono legate alla introduzione dell’ ECOGRAFIA 3D nei seni densi, la sonda volumetrica automatizzata consente una straordinaria visualizzazione dei noduli mammari secondo prospettive […]

IMAGING MAMMOGRAFICO

Imaging  mammografico del tumore della mammella, rischi e benefici. La mammografia è l’esame più efficace  per la diagnosi precoce del cancro al seno, soprattutto nelle donne di età superiore ai 40 anni, la fascia di età con la più alta incidenza. Alcuni studi hanno dimostrato che la mammografia può essere particolarmente utile anche per le donne […]

VISITA SENOLOGICA

Esame clinico L’indagine clinica della mammella è senza dubbio poco costosa e semplice in mani esperte ma da sola non può ridurre la mortalità del carcinoma mammario.Ci sono prove più che sufficienti per sostenere che la visita senologica può essere utile in seni densi poco indagabili alla mammografia e nelle donne giovani, è ovvio che […]

TECNICA MAMMOGRAFICA

L’esame mammografico,  viene effettuato esercitando sulla mammella una certa pressione che, dopo la paura dell’esito diagnostico è la cosa più temuta dalla donna. La soglia del dolore, è condizionata dalla struttura del seno, ed anche dalla componente psicologica. Ne deriva che la sopportabilità al fastidio è molto soggettiva ed in alcuni casi può essere molto […]

MAMMOGRAFIA

Mammografia: La mammografia è l’esame con maggiore sensibilità nei tumori in fase iniziale, in particolare nelle mammelle poco dense e quindi radiotrasparenti. Nella fascia di età 50-69 anni studi di screening hanno dimostrato che la mammografia associata all’esame clinico è in grado di ridurre la mortalità del 30-50%. La mammografia deve essere eseguita con apparecchiature […]

MAMMOGRAFIA DIGITALE

L’immagine mammografica tradizionale è un’immagine su pellicola che dopo essere stata realizzata non è più modificabile. La mammella radiologicamente è costituita da zone a diversa densità, poiché queste aree verranno riprodotte in un’immagine unica, vi saranno zone ben studiabili accanto ad aree non ben rappresentate. Uno dei fattori ostacolanti la diagnosi dei tumori alla mammografia […]

CAD

Il CAD  è un sistema di diagnosi computerizzata assistita, è uno strumento sofisticato che aiuta il medico nella diagnosi mammografica individuando sul monitor le aree che necessitano di maggior approfondimento. – Addensamenti – Aree con microcalcificazioni – Distorsioni ghiandolari Questi quadri comunemente associati al tumore e denominati Roi (aree di maggiore interesse) vengono individuati ed […]

ECOGRAFIA

ECOGRAFIA L’ecografia  della mammella è stata introdotta nel 1950 con tecniche radar adattate dalla marina degli Stati Uniti. Nel corso dei successivi decenni l’ecografia del seno è stata utilizzata principalmente per distinguere formazioni cistiche da masse solide. Tuttavia, per le lesioni mammarie solide rimaste indeterminate quando non è sufficientemente specifica e conclusiva nella differenziazione benigno-maligno delle formazioni […]

AGOASPIRAZIONE E BIOPSIA

  Agoaspirazione e biopsia della mammella La citologia non è indicata nelle lesioni sicuramente benigne. L’esame citologico mammario può essere eseguito su cisti, secrezioni del capezzolo, lesioni erosive del capezzolo, noduli solidi palpabili e non palpabili, linfonodi ascellari. L’età della paziente e l’anamnesi costituiscono il criterio più importante nell’indicazione al prelievo citologico. Una formazione insorta […]

RISONANZA MAGNETICA

  I costi della RM ed il 20-25% di falsi positivi ne limitano l’uso a casi selezionati. Le indicazioni principali della RM mammaria sono: • Sorveglianza delle donne ad alto rischio: Studi recenti hanno dimostrato l’utilità della RM con MdC nella sorveglianza delle donne ad alto rischio genetico-familiare di carcinoma mammario (soggetti con test genetico […]